FAUNA
CINOFILIA

ORGANIGRAMMA

MODULISTICA

LEGISLAZIONI

NUOVO STATUTO

VECCHIO STATUTO

CALENDARIO VENATORIO
     2016-17

italcaccia

L'ASSICURAZIONE

SINTESI CONDIZ.
     ASSICURATIVE

DENUNCIA SINISTRO

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

NOMINA DIFENSORE
     DI FIDUCIA

PIANO FAUNISTICO


  • 28-07-2017: Pubblicato il Calendario Venatorio 2017/18
  • 26-05-2017: Gara di Tiro su bersaglio fisso - 17/06/2017

  • Il Consiglio Provinciale dell’ Italcaccia di Cosenza, ritenendo di dover imprimere una svolta organizzativa ed operativa alla nostra Associazione, ha attivato un apposito sito internet quale strumento attraverso cui si possono velocizzare eventuali utili notizie ed informazioni varie inerenti l’attività venatoria, instaurando un rapporto costante, più ravvicinato ed efficace con i Dirigenti Nazionali, Regionali, Provinciali e con i propri iscritti.
    Riteniamo sia questo il modo migliore per servire i nostri Italcacciatori, ai quali esprimo i sensi della nostra più profonda amicizia e gratitudine per la loro proficua e preziosa collaborazione e porgo i nostri più cordiali ed affettuosi saluti, con un sincero “IN BOCCA AL LUPO.”

    Il Presidente Vincenzo MARTINO




    Lepre - Fauna Cacciabile - Italcaccia

    Lepre comune - Lepus europaeus


    Ordine:LAGOMORFI
    Famiglia:LEPORIDI
    Sottofamiglia:LEPORINI
    Specie:Lepus europaeus

    Caratteri distintivi
    Ha forme slanciate, testa abbastanza piccola con occhi grandi e orecchie lunghe, arti posteriori più robusti e più lunghi degli anteriori, coda breve. In entrambi i sessi la colorazione del mantello è fulvo-grigiastra con tonalità nerastre sul dorso; ventre, parti interne degli arti e parte inferiore della coda biancastri. Lunghezza testa-corpo cm 48-70; peso Kg 2,5-6,5.

    Habitat
    L'habitat tipico è rappresentato dagli ambienti aperti come praterie e steppa, ma in seguito alla progressiva espansione dell'agricoltura ha trovato una condizione ideale nelle zone coltivate, ove esistono disponibilità alimentari in ogni periodo dell'anno. Preferisce quindi gli ambienti caratterizzati da buona diversità ambientale con colture in rotazione, boschetti, terreno ben drenato e fertile. In conseguenza della sua ampia valenza ecologica frequenta comunque una grande varietà di ambienti: brughiere, terreni golenali, boschi (principalmente di latifoglie e ricchi di sottobosco); evita le fitte boscaglie, le foreste troppo estese, le pendici ombrose, i terreni freddi e umidi dove al mattino la rugiada si mantiene a lungo. Pur preferendo le zone pianeggianti e collinari, si spinge in montagna fin verso i 2.000 m di altitudine sulle Alpi e sino a 2.600 m sulla catena appenninica.

    Alimentazione
    Si ciba essenzialmente di vegetali: erbe fresche e secche, frutta, semi, funghi, ghiande, germogli di cereali invernali, cortecce.

    Caccia
    Sia in battuta col cane da seguito sia vagante col cane da seguito, da ferma o da cerca, impiegando cartucce caricate con pallini dei nr 6, 5 e 4.

    RIVISTA


    METEO

    Meteo Calabria


    SITI AMICI

    www.lafrontiera.eu Il Pianeta delle Cartucce
    Home chi siamo sedi periferiche archivio contatti